Molte aziende, per necessità di produzione o progetti, dividono il proprio personale in gruppi. Ogni gruppo di lavoro è composto da talenti che hanno, in questo modo, la possibilità di assumersi la responsabilità di determinare come svolgere la propria mansione per raggiungere l’obiettivo prefissato.

gruppo di lavoro

Diverse volte però, mettere insieme più teste, significa creare tensioni e questo incide fortemente e negativamente sul raggiungimento dei fini.

Affinché il gruppo di lavoro sia coeso, bisogna che tutti i componenti, ma soprattutto il leader, possegga alcune competenze comunicativo-relazionali per poter interagire con gli altri membri.

Il leader

Il leader è colui che coordina il gruppo. Solitamente si riserva a lui una formazione dedicata, un Corso di Leadership, che gli consenta di acquisire tutte le conoscenze utili a:

  • Scegliere i componenti del gruppo di lavoro;
  • Assegnare ai singoli membri le attività da svolgere;
  • Semplificare la comunicazione e lo scambio di idee;
  • Coinvolgere tutti i membri nel processo di miglioramento delle prestazioni;
  • Gestire gli eventuali conflitti;
  • Verificare il raggiungimento degli obiettivi;
  • Fornire dei feedback sulle prestazioni;
  • Garantire il risultato prefissato.

Come un leader dovrebbe gestire un gruppo di lavoro

Per far si che il gruppo di lavoro funzioni e lavori bene, è necessario che il leader:

tie-690084_1920-1024x683.jpg
  1. Stabilisca una scala gerarchica. La scala gerarchica è fondamentale all’interno di un team, deve essere chiara e trasparente. Questo non significa imporsi come un tiranno, ma dirigere con atteggiamento paternalistico, guadagnandosi il rispetto senza esigerlo. Il leader è chiaramente al vertice dell’organizzazione e a lui spetta l’assegnazione dei compiti e la decisione finale.
  2. Ritagli del tempo per comunicare col gruppo. Il leader deve avere una comunicazione costante con i membri, sia per rispondere alle loro domande che per risolvere qualsiasi tipo di problema. Deve saper ascoltare senza escludere nessuno. Deve creare un clima di dialogo aperto e onesto e dimostrare ai suoi collaboratori di essere sempre pronto ad apportare dei cambiamenti da cui potrebbe trarre vantaggio l’intero team.
  3. Dia il buon esempio. Deve tenere un comportamento che sia da ispirazione al gruppo. Il leader deve portare rispetto a tutti i dipendenti dei reparti dell’azienda, senza criticare, comportandosi sempre in maniera corretta.
  4. Riconosca il successo. Le persone hanno bisogno di sentirsi apprezzate, hanno bisogno che il loro lavoro sia valorizzato. Per questo è compito del leader gratificare i risultati del team, complimentarsi anche attraverso un semplice “ben fatto ragazzi! Il team troverà la forza di dare il meglio.

Ti piacerebbe acquisire tutte le competenze per gestire al meglio il tuo Gruppo di Lavoro? Dai un’occhiata al nostro Percorso Formativo.

Condividi sui Social