Le buste paga sono i documenti rilasciati al lavoratore dipendente da parte del proprio datore di lavoro, contenenti l’importo della retribuzione a lui spettante, relativa ad un determinato periodo di lavoro.

buste paga

Non è semplice leggerla adeguatamente ma è importante imparare a farlo perché, attraverso le buste paga, il lavoratore ha la possibilità di sapere se il salario percepito è corretto o meno e se è congruo con quanto stabilito nel contratto individuale di lavoro oltre che a quello Collettivo Nazionale di Lavoro (CCNL). Inoltre può verificare se ogni singola voce riporta la somma spettante in maniera corretta e controllare il numero di ore, di ferie e permessi maturati oltre all’importo dei contributi previdenziali versati dal datore di lavoro.

Come si leggono le buste paga?

buste paga: imparare a leggerle

Iniziamo col dire che si suddividono in tre parti:

  1. Intestazione.
    L’intestazione contiene diverse informazioni sul datore di lavoro e sul lavoratore, quali dati anagrafici, nome e cognome, posiziona INAIL e INPS, data di assunzione, tipo di CCNL, l’inquadramento, il livello, l’anzianitĂ , tutti utili a stabilire la sua paga base. Sempre in questa prima parte è riportato il mese per il quale è erogato lo stipendio.
    Noterete anche la presenza di due ulteriori voci, ovvero la contingenza e l’E.D.R
    La prima è un’indennitĂ  che ha il compito di adeguare la retribuzione alla variazione del costo della vita. La seconda invece, Elemento Distinto della Retribuzione, è una somma mensile fissa per tutti i lavoratori, di € 10,33 percepita per tredici mensilitĂ .
  2. La retribuzione
    La seconda parte delle buste paga riguarda la retribuzione effettiva. Sono riportate infatti diverse voci, come le ore lavorate nel mese in oggetto, gli straordinari effettuati, i premi e tutta la parte di retribuzione indiretta quindi: ferie, permessi, malattia, infortunio, maternità, etc…
  3. TFR, Dati Previdenziali e Stipendio Netto
    L’ultima parte è sicuramente la piĂą corposa. Riporta tutte le ultime voci che servono a determinare lo stipendio netto del lavoratore. Questi sono:
buste paga: calcolo
  • I dati fiscali che comprendono tutto ciò che riguarda l’Irpef, l’imposta lorda, l’imposta netta, le detrazioni d’imposta e le addizionali.
  • Il TFR, ovvero Trattamento di Fine Rapporto, è quello che viene erogato in tutti i casi di cessazione del rapporto di lavoro, e il suo calcolo lordo corrisponde alla somma di tutte le mensilitĂ  annuali diviso per 13,5.
  • In ultimo, lo stipendio netto. Ultimissima voce riportata che rappresenta l’effettiva somma percepita dal lavoratore.

Bene..le voci principali le abbiamo viste.

Se volessi approfondire il discorso buste paga, per curiositĂ  personale o per crearti nuove opportunitĂ  lavorative, consulta il Corso di Addetta/o Paghe e Contributi.